WORKSHOP DI INTERPRETAZIONE

condotto da Alessandra Frabetti

 

QUANDO

6-7-8 dicembre 2019

 

ORARIvenerdì 6 dicembre 19.30-23.00

sabato 7 dicembre 11.00-13.30 e 14.30-20.30

domenica 8 dicembre 10.00-13.30 e 14.30-17.30

 

COSTI

120€ (più 20€ di quota di iscrizione per chi non fosse già iscritto ad Emit Flesti)

 

NUMERO MINIMO

8 iscritti

 

DOVE 

Bottega delle Arti

Passaggio Teatro Osele di via  Suffragio - Trento

 

A CHI SI RIVOLGE

attori professionisti, allievi attori e formatori

 

ISCRIZIONI

info@emitflesti.it - 349 7515507 - 329 5858241

WORKSHOP DI INTERPRETAZIONE

 

Laboratorio di recitazione, pensato come un’efficace introduzione al lavoro dell’attore e alla sua presenza in scena.

L’interpretazione è sempre espressione di un sentimento interiore, di un’emozione che determina l’azione fisica, l’emissione vocale e la parola. L’attore in scena deve essere in grado di farsi attraversare da uno stato d’animo e di restituirlo pienamente allo spettatore attraverso l’uso totale del corpo. Questa capacità non può non passare attraverso la conoscenza degli elementi fondamentali, ineludibili, del linguaggio scenico.

Il laboratorio mira a fornire all’allievo, mediante esercizi mirati, i mezzi necessari per affrontare in maniera adeguata una situazione, un testo, un personaggio teatrali.

 

I partecipanti porteranno un monologo o un dialogo a memoria, su cui si lavorerà nel corso del workshop.

 

ALESSANDRA FRABETTI

Si è diplomata nel 1974 presso l’Accademia Antoniana d’Arte Drammatica di Bologna e il 1° dicembre 1975 ha conseguito con 110/100 e la lode la laurea al DAMS della stessa città, discutendo una tesi in drammaturgia con il professor Ferruccio Marotti dal titolo “G.B.Aleotti. Materiali per uno studio monografico”.

Attrice professionista dal 1975 ha collaborato a diversi spettacoli, in particolare, con il Teatro Nuova Edizione - Teatro delle Moline e con Nuova Scena – Arena del Sole, lavorando con Luigi Gozzi , Marinella Manicardi, Nanni Garella, Lorenzo Salveti, Claudio Longhi e altri registi. I suoi ultimi spettacoli sono Anna Cappelli di Annibale Ruccello (per la cui interpretazione è stata segnalata al premio Ubu) e Le regole del saper vivere nella società moderna di Jean Luc Lagarce, entrambi con la regia di Marinella Manicardi; Ivanov di Cechov, Locandiera di Goldoni, Riccardo III di Shakespeare,Zoo di vetro di Tennessee Williams diretti tutti da Jurij Ferrini, Storie naturali di Edoardo Sanguineti con la regia di Claudio Longhi, Rusc’hera con la regia di Ivano Marescotti. L’ultimo spettacolo interpretato per Arena del Sole – teatro stabile di Bologna è stato Stanze di Marcello Fois, da cui il giallista ha elaborato un suo nuovo romanzo. Ha debuttato al festival di Borgio Verezzi con Mandragola per la regia di Jurij Ferrini, spettacolo attualmente in tournée.

Dal 1981 si è dedicata anche alla formazione dell’attore: come docente di recitazione insegna o ha insegnato, tra gli altri, presso la Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone”, alla Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova e al Conservatorio di Padova “Cesare Pollini”, alla Civica accademia teatrale Nico Pepe di Udine, alla Bernstein School of Musical Theater a Bologna, alla scuola Jolanda Gazzerro di Modena del teatro nazionale ERT, alla Shakespear school di Torino, al CFA di Luca Bizzarri a Genova; continua a svolgere anche attività laboratoriali presso diversi teatri, tra cui l’Arena del Sole di Bologna, dove ha in essere due corsi da un ventennio. Si è invece concluso da qualche tempo il progetto triennale del Teatro Lab a Bologna diretto da Giorgio Comaschi e Antonio Albanese, di cui è stata vicedirettrice.

Dal 1999 è stata docente di fonetica e dizione in corsi di formazione professionale della provincia di Bologna finalizzati alla costituzione di una compagnia teatrale di disabili psichici., attualmente attori di Arte e salute negli spettacoli con la regia di Nanni Garella, prodotti da ERT. Infine collabora con l’Università di Udine e con quella di S.Marino come incaricata di incontri sul public speaking, disciplina che l’ha vista anche consulente di aziende internazionali, quali per esempio la Ciba Speciality Chemicals.

Come regista ha messo in scena nel 1999 nel Palazzo Ducale di Sassuolo lo spettacolo Et in Arcadia ego. Vita corte morte di Marco Pio, ultimo Signore di Sassuolo , di cui ha curato anche la drammaturgia; nel 2003 ha realizzato la regia dello spettacolo musicale Sweeney Todd. The Demon Barber of Fleet Street di Stephen Sondheim su libretto di Hugh Wheeler, per conto della Bernstein School of Musical Theater.

È autrice, regista e interprete di alcuni spettacoli in tourneé, da Campane da salotto, ancora in essere dalla stagione 2006-2007, al più recente La rivincita del calzino spaiato. Pensieri di una mamma post-moderna, su testo della blogger Francesca Sanzo, interpretato anche da Anita Giovannini, all’ultimo Ciò che resta... serata di disonore.

Ha partecipato a parecchi sceneggiati radiofonici e televisivi, tra cui Cuore contro cuore e Distretto di Polizia, prodotti dalla Taodue, nonché Quo vadis baby?, prodotto dalla Colorado film. Ha anche preso parte a numerosi film, sia corto e medio metraggi sia lungometraggi con la regia, tra gli altri, di Carlo Vanzina, Guido Chiesa, Marcello Cesena, Giulio Manfredonia. Presentato al festival di Pesaro e nella rassegna delle opere prime di Nanni Moretti al Nuovo Sacher, è il più recente Non lo so ancora di Fabiana Sargentini.